Gerda Taro e Robert Capa, compagni nell’arte e nella vita

arte

Gerta Pohorylle, conosciuta con lo pseudonimo di Gerda Taro, nasce a Stoccarda nel 1910 da una famiglia di ebrei polacchi. Centro di attrazione attorno al quale ruotano le vite di tutti gli amici e conoscenti, donna dal fascino intellettuale irresistibile, Gerda è convinta delle proprie idee a tal punto da finire in carcere a causa della sua attività nel Partito Comunista Tedesco. Sarà proprio questo episodio a spingerla a trasferirsi a Parigi, città apparentemente sicura e immune dal parassita nazista grazie all’alto livello culturale e artistico.