Artisti in isolamento | Intervista a Ludovico Colombo

arte

La quarantena e l’isolamento hanno inciso ormai sulla vita e il lavoro di tutti. In particolare sul lavoro dei giovanissimi artisti appena emergenti, che si sono visti bloccare sul nascere la stagione primaverile di mostre, bandi, residenze ed esposizioni. Il quesito che ogni persona appartenente all’ambito artistico si pone in questi ultimi giorni è quello sul futuro. Nessuno sa cosa ne sarà dell’Arte Contemporanea dopo questa brutta battuta d’arresto. Gli artisti però, dai più ai meno giovani, sono quelli che stanno cercando di fare tesoro di quest’esperienza: autoriflessione, introspezione, tempo da dedicare ai propri progetti.

Ian Wilson 1940 – 2020

arte

Il 17 aprile 2020 è venuto a mancare uno degli esponenti più radicali ed estremi dell’arte concettuale: Ian Wilson.

Nato in Sud Africa nel 1940, Wilson si è trasferito a New York nel 1960 e ha subito mostrato una vicinanza al minimalismo e a tutto ciò che riguardasse l’arte nelle sue forme più lineari, pulite e astratte. Inizia a produrre sculture e dipinti prevalentemente in bianco e nero.

Come spiegare ai tuoi amici che non lo potevano fare anche loro

arte

Le risposte che ogni studente di Belle Arti ha dovuto dare ad amici e parenti

Quante volte durante le riunioni di famiglia, le cene di Natale, le feste di compleanno e gli aperitivi al bar ci hanno chiesto cosa studiassimo? Quante volte dopo aver risposto «studio all’Accademia di Belle Arti» ci siamo trovati immersi in dieci secondi di imbarazzante silenzio?